DIPENDENZA AFFETTIVA: COME USCIRNE. PERCORSI DI AIUTO INDIVIDUALI E DI GRUPPO

CHE COSA E’ LA DIPENDENZA AFFETTIVA

E’ assolutamente normale che in una relazione, in particolare durante la fase dell’innamoramento, ci sia un certo grado di dipendenza e fusione ma questo desiderio, con lo stabilizzarsi del rapporto, tende a diminuire. Nella dipendenza affettiva, invece, il desiderio fusionale perdura inalterato nel tempo ed si tende continuamente ed esasperatamente a “fondersi nell’altro”. Ecco dunque che, quando l’amore si trasforma in un ossessione che tormenta nel quotidiano l’individuo, non parliamo più di amore ma di “dipendenza affettiva”.

La dipendenza affettiva o love addiction (come la chiamano gli anglosassoni) altro non è che una patologia del sentimento e del comportamento amoroso e, nel mondo contemporaneo, è sempre più diffusa.

Chi è afflitto da dipendenza Affettiva soffoca sul nascere ogni suo interesse, desiderio, amicizia, rapporto con altre persone e familiari, così come restringe al minimo gli impegni lavorativi fino a trascurare e a manomettere tutto ciò. Da un punto di vista comportamentale il dipendente infatti dedica completamente tutto sé stesso all’altro, al fine di perseguire esclusivamente il benessere del partner e non il proprio, come dovrebbe essere in una relazione “sana”.

QUALI SONO I SINTOMI:

  • Paura di perdere l’amore, dell’abbandono, della separazione
  • Paura della solitudine e della distanza
  • Paura di mostrarsi per quello che si è
  • Paura di amare l’altro per quello che è
  • Senso di colpa
  • Senso d’inferiorità nei confronti del partner
  • Gelosia e possessività
  • Rabbia

COME USCIRNE? I PERCORSI DI AIUTO:

PERCORSO INDIVIDUALE

La psicoterapia individuale aiuta il paziente con dipendenza affettiva a riconoscere le complesse trappole cognitive, emotive e comportamentali che lo conducono a sofferenza e infelicità. Tramite il percorso terapeutico la persona impara a guardare in faccia alle proprie fragilità e bisogni insoddisfatti al fine di riprendere in mano le redini della propria esistenza e a gettare le basi per la costruzione di una più sana e funzionale modalità d’amare.

Può capitare che la persona che soffre di dipendenza affettiva nell’ambito del suo rapporto subisca i pericolosi meccanismi della manipolazione relazionale. Infatti la mancanza di autostima e di amore sano di se generano un meccanismo di accettazione passiva delle dinamiche imposte dal manipolatore relazionale, esercitato in funzione del bisogno di accettazione dell’altro. In questi casi la persona affetta da dipendenza affettiva preferisce subire piuttosto che sopportare l’idea di essere lasciata in balia di uno tsunami emotivo (paura del rifiuto, della solitudine, di non essere amati) che pensa di essere incapace di sopportare. Molto spesso il desiderio di totale ‘fusione’ con l’altro spinge le vittime a fare e accettare qualsiasi cosa per proteggere quella ‘sensazione’ di vicinanza con un’altra persona, anche se significa annullarsi come persone.

La persona affetta da dipendenza affettiva può esercitare anch’essa meccanismi di manipolazione per tenere vicino a se le persone di cui ritiene non poter fare a meno.
La psicoterapia permetterà dunque al paziente di migliorare la propria autostima e ad acquisire nuove e più funzionali modalità relazionali che consentiranno di dare vita a relazioni interpersonali sane basate sul rispetto reciproco e sullo scambio.

PERCORSI DI GRUPPO

Lo scopo degli incontri di sostegno psicologico di gruppo per la dipendenza affettiva condotti dalla Dott.ssa Saccà è quello di offrire ai partecipanti uno spazio di crescita comune dove le persone imparano a condividere ed elaborare con gli altri vissuti e condizioni tipiche della dipendenza affettiva (in particolare la sensazione di vuoto, la paura dell’abbandono, la sensazione di impotenza nella gestione autonoma degli eventi di vita, la manipolazione relazionale).

Un gruppo di supporto psicologico si pone come finalità quella di aiutare l’individuo a uscire dall’isolamento e sentirsi meno solo e più sollevato nel condividere problematiche con altre persone, che pur provenendo da situazioni diverse vivono condizioni simili alla sua. Condividere con gli altri le proprie esperienze e vissuti aiuta la persona a vedere la sua problematica da una diversa prospettiva (con il risultato di promuovere nell’individuo nuove capacità e risorse per gestire il problema) e rappresenta inoltre una preziosa fonte di arricchimento personale.

All’interno di ogni incontro di gruppo spazi di discussione e condivisione dei vissuti personali si alternano con momenti dedicati ad esercitazioni pratiche in merito agli argomenti trattati.
I gruppi di sostegno psicologico sono rivolti non solo a persone che soffrono di dipendenza affettiva dal partner, ma anche da altre persone significative quali genitori, figli, amici.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CIRCA I PERCORSI DI AIUTO (individuali e/o di gruppo), PER CONOSCERNE MODALITA’, FREQUENZA E COSTI O PER FISSARE UN APPUNTAMENTO POTETE SCRIVERE ALLA DOTT.SSA FRANCESCA SACCA’ all’indirizzo:

[email protected]

O contattarla al numero 3332520790

La Dottoressa risponderà unicamente a persone che richiedono informazioni specifiche sui percorsi di aiuto o che vogliono fissare un appuntamento.
Non riceveranno risposta richieste che contengono sfoghi personali o richieste di consulenze on line.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio